Un incerto compromesso tra la mia anima ed il suo riflesso

| buttato dentro il 20 settembre 2009 | alle ore 19:08 | da | nelle categorie politica | se hai qualcosa da dire scrivilo qui » |

riflessoSilvio.
Berlusconi.
Ecco, l’ho detto. Così riesco e riprendere a scrivere su questo benedetto blog, fermo all’ultimo post di qualche mese fa. Nella tag cloud “Silvio Berlusconi” è grande il doppio di ogni altro argomento. Sono ossessionato, ossessivo compulsivo, direi. Un po’ come la grande voce del PD, che incalza il governo e il premier ogni giorno dalle prime pagine dei giornali. Un po’…

Silvio Berlusconi nei giorni scorsi se ne è uscito dicendo che lui è il miglior premier in 150 anni. E non lo ha fatto per il Centocinquantenario dell’Unità d’Italia o in qualche occasione particolare. Lo ha fatto parlando con Zapatero, giusto per pisciare un po’ lungo con qualche straniero che lo apprezza. Giusto per rendersi simpatico al collega komunista spagnolo.
Quando Zapatero se ne è andato, Berlusconi ha esclamato anche «De Gasperi gay!» e «Antonio Segni immigrato irregolare».

Berlusconi queste cose le pensa all’istante, perrmettendosi di parlare scollegando il cervello. Non posso credere che il nostro super-presidente si svegli di notte con il chiodo fisso: «Domani dico che sono meglio di Mussolini e De Gasperi, di Prodi e persino di San Bettino». No, è improbabile. Le spara al momento, non ha suggeritore né pensa alle puttanate che gli escono di bocca. Ormai è senza filtro, come le sigarette.

Però è immune. O ha un culo stratosferico, o ormai è così tentacolare che non ce lo leviamo dalle palle per i prossimi vent’anni. Riesce a dire peste e corna della chiesa cattolica, e nulla cambia. Riesce a litigare con Confindustria, e tutto va bene. Riesce a scaricare Casini, Bossi, Fini a turno, e il governo tira dritto. Inutile dire che fino a due anni fa il termine “opposizione” aveva un significato e veniva anche riportata sui dizionari.

[Sono un pessimo blogger. Quando ho iniziato il post avevo trovato il titolo ideale per legare inizio e fine di questo pezzo. Ora non lo ricordo più, questo fil rouge. Beccatevelo così, sto post senza senso. Giusto per riprendere il cammino]



Leave a Reply