Retorica e scontatezza

| buttato dentro il 26 febbraio 2004 | alle ore 15:26 | da | nelle categorie web | parlando di gioiosi argomenti quali ad esempio , , , , , , | se hai qualcosa da dire scrivilo qui » |

Porcaccia la miseria che tristezza che mette leggere gli altrui blog… Ho fatto un salto, e a posteriori me ne sono pentito, in alcuni altri “diari” online. Beh, è un florilegio di banalità condito di paroloni inglesi che fanno da contorno insipido.
Il segno nella rete. Prova Prova Prova. Posso sfogarmi perché ne ho bisogno e non so come farlo in altro modo. Ci sono anch’io. Non ho tempo da perdere per starci dietro (ma se pensi che sia tempo perso, cosa lo apri a fare, miseriaccia??)
E le poesie. E le foto. E il 4 novembre 2002 dico “finalmente ho un blog”, ma finora non ci ho mai scritto e quel finalmente perde significato. E l’emozione del primo blog. E non ci sarà nessun filo logico, lo dico subito. E vi spiego i motivi per cui scrivo: bene, interessante, bravo, ma poi non hai mai scritto nulla. E com’è bello sapere che in tanti in questo momento mi stanno leggendo…
Insomma, ne esce un quadro perlomeno sconcertante di incostanza, incoerenza e manifesta deficienza degli utenti del net. Ed è anche la prova stupefacente di come il web sia preso sottogamba e molte delle sue risorse buttate nel cesso, con tanto di sciacquone scrosciante.
Spero vivamente di essere stato sfortunatissimo, spero esistano blog molto attivi di cervelli fiorenti con idee interessanti e più voglia di fare. Demose da fà, l’ha detto anche una persona importante che tanti disprezzano…


«Non lo faccio nemmeno se lo dice il Papa Karol»

| buttato dentro il 26 febbraio 2004 | alle ore 14:17 | da | nelle categorie dio | parlando di gioiosi argomenti quali ad esempio , , , , | se hai qualcosa da dire scrivilo qui » |

Un Papa lavoratore.
Forse non lo sento distaccato come molti vecchi pretacci che storcono il naso ad ogni novità. Sta di fatto che provo ammirazione per un uomo semplice che ricopre un incarico più grande di lui.
Questo intervento nasce dal fatto che il Papa, in udienza, ha parlato burlescamente in romanesco, lasciando di stucco cardinali saccenti e romani sfottenti…
Il titolo è una frase che dice sempre scherzosamente un mio amicone…
«Demose da fà», «Volemose bene». Due frasi semplici, ma che pronunciati da un polacco più-che-poliglotta hanno suscitato l’ilarità generale di un’austera aula vaticana piena per l’udienza dei parroci romani.