(Senza titolo)

| buttato dentro il 17 gennaio 2009 | alle ore 20:42 | da | nelle categorie politica | parlando di gioiosi argomenti quali ad esempio , , , , , , , , , , , , , , , , , , | se hai qualcosa da dire scrivilo qui » |

tearsIsraele occupa Gaza, in violazione ad una risoluzione Onu. Occupa le alture del Golan, in violazione ad una risoluzione Onu. Ha insediamenti di coloni in Cisgiordania, in violazione ad un’altra risoluzione Onu. Ora, se io dico queste cose, tutti mi replicano che sono anti-isrealiano e anti-americano a prescindere (quindi della “sinistra cattiva”) oppure che sono anti-sionista (quindi di “estrema destra”). Ma l’Onu, che ci sta a fare? Pettina bambole? Si riunisce per far dare aria alla bocca ai suoi membri?
Ditelo a Ban Ki-Moon che è un filo-terrorista. Ne sarà felice.

Io trovo che 1100 morti in una guerra, nel 2009, siano una cosa, oltre che macabra, inconcepibile. Datemi pure del nazista, se credete: io guardo alle vite perse. Alle scuole bombardate per sbaglio. Ai leader di Hamas che da giorni sono chiusi nei bunker sotterranei, e Israele questo lo sa bene. Bombarda le ambulanze, se è per questo. Le scuole, gli ospedali. Ma ha ragione. Usa il fosforo bianco, che carino, che gentile.

Proseguo. Quando George W. Bush ha bombardato l’Iraq, tutti erano certi della presenza e della minaccia delle armi di distruzione di massa di Saddam, e dell’appoggio di questi ai terroristi di al-Qaeda. Colin Powell e Bush stesso vi aveva tutti intortati per bene. Oggi, a sei anni dalle prime bombe, sappiamo tutti che le armi di Saddam non esistevano. E che i terroristi, Saddam, li odiava come l’Occidente. Cosa abbiamo ottenuto? Instabilità internazionale, un milione di morti (che volete che siano!) e terrorismo. E l’opinione pubblica internazionale si è accorta della presa in giro.

Sei anni dopo, Israele per mettere a tacere i missili qassam di Hamas, bombarda i civili. Lo stesso metodo di Bush. Tra sei anni, chi dà ragione ad Israele oggi continuerà ad esartarlo. Perché Israele è diverso, perchè è circondato da arabi ostili, da terroristi, da persone che professano la guerra santa.
E ovviamente credere a questo è la linea giusta.



Leave a Reply