Valdostano medio #02

| buttato dentro il 11 aprile 2008 | alle ore 10:04 | da | nelle categorie aosta, musica, politica | parlando di gioiosi argomenti quali ad esempio , , | se hai qualcosa da dire leggi i 2 commenti e aggiungine un altro » |

Alla massa di valdostani caricaturali che gli hanno risposto indignati (di un caso avevo parlato qui), il rapper Mene replica.
Con sin troppa serietà, ragazzo mio…

Aggiornamento: se ne discute qui, con posizioni anche estreme.


2 Comments on “Valdostano medio #02”

  1. 1 Anonymous said at 13:12 on aprile 11th, 2008:

    A me è sembrato sulla difensiva, indice forse del fatto che le sue critiche alla società valdostana non hanno una base così solida… Non capisce che si può dare importanza alle tradizioni e allo stesso tempo incentivare e sostenere le nuove proposte di intrattenimento, una cosa non esclude l’altra.
    Poi vabeh io mi sarei aspettata un rapper dal quartiere Dora o dal quartiere Cogne, non da Sarre. XD

    A.

  2. 2 manomano said at 13:51 on aprile 11th, 2008:

    Ma infatti…
    Non capisco le risposte indignate: una canzone è una canzone. Sarebbe come se qualcuno si indignasse per le orrende vignette di Balan sulla Vallée.
    In questa faccenda, tutti i protagonisti ricordano un’altra vicenda, iniziata con una lettera apparsa sempre sulla Stampa, di una signora che lamentava l’occupazione di un’area verde per la disputa di una “bataille de moudzons”: tutti a darle contro, dicendo che le tradizioni vanno rispettate, che senza mucche non ci sarebbero latte e formaggio, che un po’ di cacca non ha mai fatto male a nessuno… Non uno che abbia dato il giusto peso alle parole, tutti si sono subito fatti colpire sul nervo scoperto. I bambini hanno il diritto di giocare, e preferibilmente non in mezzo al letame (non si capisce altrimenti perché ci si faccia la doccia tutti i giorni e le fogne non siano più a cielo aperto…); le mucche devono vivere e fare i propri bisogni, ma non necessariamente dobbiamo mangiarceli.
    L’unica risposta di buon senso, senza tirare in mezzo tradizioni, Fontina e minacce varie, sarebbe stata “la bataille è una volta all’anno, gli altri giorni facciate un po’ quel che vi pare”.
    Ma, politicamente, fa molto più fico difendere le tradizioni…


Leave a Reply