Bataille des reines – E ‘mo vi informo io…

| buttato dentro il 23 ottobre 2006 | alle ore 12:08 | da | nelle categorie aosta, politica | parlando di gioiosi argomenti quali ad esempio , , , , , , , , , , , , , , | se hai qualcosa da dire scrivilo qui » |

Un anno fa circa, segnalavo una nuova iniziativa: l’abbinamento di una delle quattro lotterie nazionali alla “Bataille des reines”, tradizione moderna valdostana della battaglia organizzata tra bovine. Che il senatore Rollandin aveva portato avanti (e ne esultava sul suo sito personale), e che è stata approvata per decreto del Ministero dell’Economia.
Ebbene, ad un anno di distanza dall’approvazione dell’abbinamento, ieri si è svolta la finale regionale che ha incoronato Venise regina delle regine. Della lotteria abbinata, nessuna notizia. Nessuna notizia durante la cronaca (in diretta regionale su Raitre, per la gioia dei molti politici presenzialisti), nessuna notizia sui giornali.
Ebbene, l’estrazione, secondo il sito delle lotterie nazionali (lotteriaitalia.net, è avvenuta il 6 settembre scorso. A vincere il secondo premio della lotteria “Lotteria per la Pace e della Buona Azione – Bataille des Reines di Aosta – Palio di Sant’Anna di Ischia”, abbinato all’evento aostano è stato il possessore di un biglietto acquistato a Palermo, che si è portato a casa 100.000 euro.
Ora, data la mancanza di informazione assoluta a livello locale, bisogna dedurre che l’abbinamento è fittizio, o perlomeno non è un “abbinamento tradizionale”, con un abbinamento preventivo tra un determinato biglietto e un determinato corridore: quando Cipollini taglia il traguardo, il biglietto a lui abbinato vince.
La lotteria per la pace e della buona azione è un’iniziativa dell’API, Associazione Poliziotti Italiani, ed è consistita in un tour iniziato il 6 gennaio da Milano e chiusosi a Roma 8 mesi dopo, ad agosto, consistente in serate organizzate per riconoscere l’attività e le “buone azioni” di organizzazioni no-profit.
Il palio di Sant’Anna di Ischia, una gara tra barche adobbate a festa nel mare ischitano, si è svolto come ogni anno il 26 luglio.
La Bataille des reines si svolge a metà ottobre, con prologo in notturna ad Aosta a ferragosto: viene da pensare che l’abbinamento fosse con questo evento, se non altro per questione di date: come posso abbinare un’estrazione ad un evento non ancora accaduto?

Orbene, a cosa è servito tale abbinamento? Quale è stato l’evento abbinato, quello di agosto o la finale di settembre? Non lo si riesce a comprendere in Valle d’Aosta, dove conosciamo la lotteria e la bataille, come può capirlo chi compra un biglietto? Quale è stato il “riconoscimento importante” per la “storia e la tradizione” valdostane (cito Rollandin) se nessuno ne ha parlato, né a livello locale, né tra i maniaci della dea bendata?



Leave a Reply