Chiavi di ricerca…

| buttato dentro il 28 novembre 2007 | alle ore 13:53 | da | nelle categorie domande, web | parlando di gioiosi argomenti quali ad esempio , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | se hai qualcosa da dire scrivilo qui » |

Giungono da queste parti alcune categorie di persone:
il voyeur cerca “cesare cadeo e bionda i raccomandati” o “video ragazze troppo scollate“, “guardoni sulla neve foto“, “vittoria puccini tette” e l’abbastanza preoccupante “sex manomano“.
I buontemponi cercano “canzone blues del mandriano“, “pavarotti aveva la dentiera?” o “una birra è per sempre“, o il più impegnato “giornali quotidiani alta savoia“.
I valdostani giungono qui cercando “trenino cogne infinita“, ricerca che è tutto un programma, oppure “paesino sperduto valle d’aosta“.
I cercatori di news distratti, che nell’ultimo mese sono una quindicina, cercano “raffaele solletico“.
I Ris cercano “come si fa rilievi fotodattiloscopici“.
Walter Veltroni, preoccupato, cerca “i partiti che formano il pd“, si augura di “spalmare politichese” e digita il programmatico “condannare il populismo“.
E, per finire alla grande, ben cinque utenti cercano (e trovano) tanta “cacca“.


Evoluzione del quiz tv

| buttato dentro il 25 ottobre 2007 | alle ore 19:58 | da | nelle categorie psico, tivì | parlando di gioiosi argomenti quali ad esempio , , , , , | se hai qualcosa da dire leggi il commento e aggiungine un altro » |

I maghi dell’auditel ci stanno plagiando con l’atteggiamento buonista di chi si erge a paladino della morale pubblica. Niente più veline, letterine o vallette scosciate o scollate. Finalmente, una svolta. I bambini non potevano più guardare i quiz nemmeno in fascia protetta, era tutto uno sculettare e un balcone in vista e un metro quadro di pelle scoperta. I grandi, tutti un po’ guardoni, ne giovavano, poi basta. Sarà stato l’11 settembre, un moto di serietà comune, e perlomeno dai pomeriggi tv tette e culi sono andati in soffitta.
Passato qualche tempo, la gente si è scordata del problema. Tutti felici, tranne l’auditel: “Dobbiamo trovare una soluzione“. Facile: sostituire alle vallette le concorrenti.

E non ditemi che sono l’unico ad essersene accorto: negli ultimi mesi i casting dei quiz premiano non i più preparati o i più simpatici, ma le donne più procaci, le ragazze più spogliate e la perfezione di viso e mezzobusto, per far tentare un’impennata dell’auditel.
Senza il cachet delle letterine.


Schegge sparse da Saint-Vincent – Telegrolle – 17/19 novembre 2006

| buttato dentro il 23 novembre 2006 | alle ore 21:16 | da | nelle categorie aosta, stra-cult, tivì | parlando di gioiosi argomenti quali ad esempio , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | se hai qualcosa da dire scrivilo qui » |

Passata la sbornia delle Telegrolle, raccolgo qui un po’ di pensieri per non dimenticare le tante sensazioni di questi giorni di follia, corse, abbuffate, ritardi, sgobbate e divertimenti. Come sempre specifico che il mio scritto è pubblico, ma il tutto è strettamente rivolto a me, e non ai lettori…

1) L’ufficietto rotondo e tranquillo: il segreto del successo della “redazione mobile” di 12VdA è forse questo? Credo di no, ma attorno ad un tavolo rotondo si lavora bene, in modo tranquillo e veloce per praticità e “simpatia” reciproca. Un bell’ambiente.
2) La “cartella stampa”: sin dal primo giorno, l’accoglienza di TV Sorrisi e Canzoni è stata perfetta. Cartella stampa con l’intera prima stagione del mio mito Dr. House in DVD. Culattoni raccomandati…
3) La classe di Brindani:

Umberto Brindani intervistato © stema

Umberto Brindani è direttore di TV Sorrisi e Canzoni da un mese. «Scuola di giornalismo, giornali economici, direttore di “Chi”», il didascalico curriculum dalla sua viva voce. Intervistato nello studiolo, sottolinea il successo di “Chi” sotto la sua direzione. «Devo tutto a Signorini. Io non mi occupo di gossip, ho una formazione economica e giornalistica. Il giornale si rivolge per l’80% ad un pubblico di donne. E Signorini ha una particolare sensibilità femminile». Che classe, che stile. È surreale che, oggi, sensibilità simili colpiscano per i toni pacati.
4) I buffet e i dolci del Billia: Il Grand Hotel Billia è una formidabile macchina di sprechi. Produce più costi che ricavi da anni, non avrebbe senso di esistere se non fosse sostenuto economicamente dal settore pubblico. Ma fa dei dolci spettacolari…
Ahhhh!
5) Il Pirata – Marco Pantani: ne ho scritto diffusamente qui su Ultimokilometro.com. Aggiungo solo la “caduta di stile” di Bonivento: «Pantani non era dopato. Aveva assunto una sostanza che era consentita dal regolamento soltanto fino ad un certo limite». Non ho voluto spiegargli che le cose non stavano proprio così, ma che stava correndo troppo su un ragionamento leggerissimamente diverso…
6) Alessandra Mastronardi: «Ma chi è quella bella ragazza?!?».
«Pare anche a me di averla già vista… Ma non ricordo dove».
«È proprio carina, un bijou…».
E io che credevo che non ci fosse un solo buon motivo per guardare “I Cesaroni”…
7) Il pianista dalla pappagorgia prominente: Il Billia ha anche un pianista molto gradevole. Da “Senza fine” a “Cheak to cheak”, l’accompagnamento ideale di una “cena di gala delle soap”… Che eventoni, a cui partecipa il sottoscritto… Uauauau…
8) Sansone e Dalila: seduti al tavolo, sempre il venerdì sera e sempre al galà delle soap operas, conosciamo una simpatica famigliola. Mamma, papà e figlia. Lei è un piccolo talento. «Ma te l’avevo detto che mi sembrava di conoscerla!». Era la mitica protagonista del “pollo senza pomodori della crescita” di Amadori, dello spot per la carne Montana e di una puntata dell’Ispettore Coliandro, che tra l’altro avevo visto. Un’intervista in studio, e grandi sorrisi per tutto il week end…

Dalila intervistata © stema

9) Ricky Paull Goldin, star di “Sentieri”:
primo giorno: nascosto sotto il suo cappellino, stravolto e stordito.
secondo giorno: infiocchettato e pettinato, guardingo e intimidito dalla lingua.
terzo giorno: saluta tutti, baci e abbracci, fotografa tutti (ma proprio tutti, manco un giapponese in vacanza). La sera visibilmente ubriaco, stravolto e stordito ma senza cappellino…
10) Antonella e Luca: lei partecipa ad “Affari tuoi” e vince, lui se la vuole sposare “già da mo”. Flavio Insinna li ha invitati alla manifestazione. E chi li ammazza!
11) Un malatissimo Insinna: la redasciùn manda me allo sbaraglio ad intervistarlo. Un pazzo scatenato! Parla di chioschi ai caraibi, di divertimento, di elicotteri e di ricattabilità. Dice di essere un cretino e di amare farlo. Un folle!
12) Eleonorina: anche qui la redasciùn manda me, perché sono l’unico a sapere qualcosa di lei. O forse per farmi morire. Sarebbe uno scoop coi fiocchi “Giovane cronista muore di infarto mentre intervista bella figliola“… Eleonora si agita. Sa di essere bella. Sa di essere unica. Si muove, gioisce. Non vorrei copiare Benigni nel descrivere una donna… ma è così.
«Scusa, ti puoi mettere da quella parte per intervistarmi?». Neanche il tempo di dirle “va bene“… «Sai, anche quando bacio mi metto da quella parte…..». Non immagino quanti toni di rosso e violetto la mia faccia abbia assunto contemporaneamente. Le mani, come testimoniato dal mio fotografo, “Jack Daniel’s“, tremavano come due foglie… E poi le tette… Non gli stavano da nessuna parte, in un corpetto striminzito… Non vorrei essere volgare, e anzi descrivo solo quello che ho visto… e aggiungo: meno male che c’era il microfono…
Un’esperienza bellissima e traumatica. Quando si replica?

Eleonora Di Miele pronta per il galà © stema

13) Arriva la Stefanenko: Natasha condurrà il galà delle premiazioni. Veramente bionda. Veramente alta. Veramente brava e spigliata.
14) Mengacci: cosa ci facesse lì lo sapeva solo lui. Però è un personaggio mitico! Mancava solo Cesare Cadeo e mi sarei messo a piangere…
15) L’aperitivo in piazza: sotto il sole in mezzo alle starlette di “Vivere”, “Centovetrine”, “Un posto al sole” c’era anche un barbone, accampato alla bell’e meglio, che mangiava le sue poche cose in un angolino. Stridente contraddizione che nessuno ha notato, preso com’era dall’autografo di personalità quali Brando Giorgi o Francesca Rettondini…
16) Sfilata dei VIPS: prima di entrare nel “Salone Monte Bianco” del Centro Congressi del Billia, stars e starlettes passavano e sostavano davanti al mega-pannello pubblicitario per la foto di rito. “In alto!” “In basso!” “Facce vedè la schiena!” “Sorridi” “Al centro” “Ancora una!“. Le stars sono contente e i fotografi pure.
17) Anna Safroncik: in rosso Valentino, la star delle serata
18) Geppi Cucciari: «Di chi è il vestito?» chiedevano i fotografi gossippari. Gucci, Max Mara, Roberto Cavalli. Geppi Cucciari, ovviamente risponde «È mio, l’ho pagato con i miei soldi!»

Flavio Insinna grollato ©AM

19) Le grolle: vincono Insinna e la Puccini, Chianese e la Cucciari, Mario e la Giordano, Marcoré e Virna Lisi. Per tutti la foto di rito con bacio alla grolla e urla dei fotografi “a destra, a sinistra” per la seconda volta.
Vittoria Puccini se la tira in un modo infernale. Sarah Maestri invece è l’esatto contrario, veramente simpatica e alla mano. Questione di stile…
20) La domenica del lavoratore: Brunch per tutti e anteprime delle fiction per i bimbi. Passano in studio per le ultime interviste:
21) Leo Ortolani, il creatore di Rat-man: Idolatrato, ci disegna un paio di vignette satiriche sulle grolle e sul balcone di Serena Bonanno.
22) Mimmo Chianese: Un signor attore, semplice e professionale. Ci ringrazia per la cordialità e l’accoglienza, siamo “diversi” da un “normale” “ufficio stampa”. Mi sono dimenticato di chiedergli a chi fosse venuto in mente di chiamare il suo personaggio nel “Supermercato” zio Fausto…..


Michele Serra – Pennellate di quotidianità

| buttato dentro il 20 ottobre 2006 | alle ore 10:23 | da | nelle categorie cultura, recensioni | parlando di gioiosi argomenti quali ad esempio , , , , , , , | se hai qualcosa da dire scrivilo qui » |

Michele Serra è un pigro giornalista, che tutti i giorni da più di dieci anni cura la pigra rubrica “L’amaca” su Repubblica. I suoi pensieri, però, sono tutt’altro che pigri. Con l’aiuto di Fausto Vitaliano, la succitata pigrizia è stata sconfitta, e i pensieri di Serra sono usciti qualche tempo fa su “Tutti i santi giorni”, un compendio ragionato di dieci anni di editoriali e amache.

Serra spazia da tette e culi, gatti e cani, politici e persone serie che hanno costellato la vita prima di tutto dell’autore, e poi dei lettori, che si sentono coinvolti, possono immedesimarsi nei pensieri del giornalista. È il successo dell’amaca di Repubblica, spesso la prima pagina che ogni lettore cerca dopo aver sbrigato l’acquisto del giornale con i canonici 90 centesini all’edicolante. Purtroppo, però, molte delle amache passate risentono dell’età. Il coinvolgimento del lettore, cercato e trovato con successo, si perde nel tempo dietro al cambio del politico di turno (fa ridere leggere adesso che persino Calderoli è stato Ministro!), al ritorno alla normalità dopo la follia di mucche pazze e polli influenzati, a sensazioni ormai dimenticate della minaccia terroristica, all’indignazione perduta per le tante guerre che ormai abbiamo metabolizzato.
Quando questo libro ci tornerà in mano, tra una quindicina d’anni, cosa ricorderemo di questo tempo passato, fatto di dettagli folli e personaggi facilmente caricaturabili? Continua…


I nuovi ricchi – Adesso si protesta festeggiando

| buttato dentro il 11 agosto 2006 | alle ore 11:56 | da | nelle categorie politica, storie di vita vissuta | parlando di gioiosi argomenti quali ad esempio , , , , , , , , , , , , , , | se hai qualcosa da dire scrivilo qui » |

Ultimo trovata di Flavio Briatore, la “Festa per protesta”. Si è tenuta nel suo localino di provincia, il Billionaire, una festa a cui è accorsa tutta la mondanità “tette – culi – cervelli” della tv italiana. Principi, duchesse, Venture, Marini, Fabiani. Certo che ci vuole pelo sullo stomaco per invitare gente così. Tutti a protestare contro Renato Soru, reo di aver istituito una tassa regionale sul lusso (il cui copyright spetta, evidentemente, al Monopoli) per limitare il turismo sfrenato e la cementificazione di uno dei mari più belli d’Italia.
Mi chiedo però: come avranno protestato? Avranno buttato per terra il Dom Pérignon offertogli dal padrone di casa? Avranno sacrificato un’aragosta al dio dei vips? Si saranno sottoposti alle terribili domande del Signorini di turno? O semplicemente avranno continuato imperterriti nel loro festeggiare, solo un po’ più imbronciati?
Lo proporrò ad un mio amico sindacalista, la prossima volta che lo incontrerò: invece di uno sciopero generale, una bella festa in piazza!